Home / Guida al trading online / Price action

Price action

Cosa è la price action?

price action

La price action è una tecnica di trading in cui il trader individua segnali operativi solo ed esclusivamente analizzando i movimenti dei prezzi senza far uso di indicatori quali stocastico, macd, RSI, ecc. ecc.

Le candele nella price action

Candela spikeÈ una tecnica di trading in cui si tende a mantenere pulito il grafico e si analizzano i comportamenti e le forme delle candele. Per esempio, delle candele con una forte spike (shadow, ombra) possono essere dei fortissimi segnali per i trader. Anche le candele dojy dotate di un corpo molto sottile e di spike in entrambe le direzioni be pronunciate costituiscono un importante segnale per chi fa price action. In entrambi i casi si tratta di candele combattute, in cui i tori e gli orsi si sono dati battaglia per far prevalere la propria forza sul mercato. Ma non dimentichiamo che anche le candele con un corpo molto esteso e prive di spike possono offrire un segnale molto forte per il trader. Ciò che è importante capire è che però tali candele, di qualsiasi forma esse siano vanno sempre contestualizzate.

I pattern nella price action

pattern di candele giapponesiProseguendo il discorso fatto poc’anzi, in un grafico a candele giapponesi le candele sono le parole con cui parlano gli strumenti finanziari mentre i pattern di candele sono le frasi. I pattern non sono altro che un gruppo di candele (due o più candele) che se sistemate in una certa configurazione possono dare luogo a delle indicazioni di trading molto chiare, proprio come se indicassero la direzione che il mercato prenderà nel prossimo periodo. Ecco che risulta sempre sbagliato isolare delle parole da una frase, si corre il rischio di interpretarle in modo errato ciò che si voleva esprimere.

Di conseguenza, il trader che analizza i mercati attraverso la price action tende solitamente a guardare la forma delle candele, la loro disposizione all’interno di un pattern e soprattutto all’interno di un trend. Fa un enorme differenza vedere una spike molto pronunciata verso il basso con il corpo posto nella sua parte alta all’interno di un trend ribassista o rialzista.

Se quindi risulta sbagliato isolare le parole delle frasi, è altrettanto sbagliato isolare le frasi da un discorso. Ecco perché l’analisi con la price action viene generalmente affrontata su più time frame.

Il trader in genere effettua prima un analisi ad un time frame di lungo periodo, poi di medio e poi di breve. Lungo, medio e breve sono soggettivi. Un esempio può essere

  • lungo periodo = daily
  • medio periodo = 4 ore
  • breve periodo = 1 ora

Come dicevo, è abbastanza soggettivo la scelta dei time frame anche se solitamente si parte sempre dal più ampio per avere un idea complessiva del mercato, poi si scende in quello medio per cercare di capire più nello specifico cosa sta accadendo nell’ultimo periodo, per poi andare a cercare il trigger (il grilletto) che fa scattare il segnale nel breve periodo in base alla strategia di trading scelta.

Le strutture di prezzi nella price action

breakout

Chi fa trading con la price action tende molto spesso ad individuare segnali di ingresso da strutture come quella del doppio massimo o del doppio minimo o ancora da strutture di break out che sono quelle che danno i movimenti più ampi da sfruttare per poter speculare sull’asset.

Esistono anche strutture molto interessanti come quella del testa-spalle che sono delle strutture di inversione di trend.

Le candele Heikin Ashi nella price action

candele heikin ashiAnche le candele Heikin Ashi possono essere usate per la price action. Tali candele sono simili alle candele giapponesi solo che per come sono calcolate tengono conto di alcuni concetti importanti come i punti di pivot. Io personalmente le utilizzo moltissimo perché le candele heikin ashi riescono a filtrarmi moltissimi rumori di mercato, ma sta al trader decidere quale tipologia di candele utilizzare.

Anche le medie mobili possono essere utilizzate nell aprire action perché permettono al trader di avere una sorta di linea guida rispetto alla quale potersi rapportare.

Il bello del trading è proprio questo, che è molto vario e permette a chiunque di crearsi un approccio personale dando più peso ad alcuni segnali piuttosto che ad altri, ma la vera abilità del trader sta nel riuscire a portare a casa i profitti e per farlo una qualsiasi tecnica di trading deve essere corredata di una corretta gestione del rischio e del portafoglio.

 

 

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*


This website is not part of Facebook or Facebook Inc. Additionally, this website is not endorsed by Facebook in any way, Facebook is a trademark of Facebook Inc.